Lettera a Loredana

Home / Uncategorized / Lettera a Loredana

Cara Loredana,

 ti scrivo nella certezza che tu saprai sentire, dal luogo in cui ti trovi, ogni mia parola ed ogni spazio che separa un pensiero da un altro.

Ho scritto anche per te, perchè anche tu sei stata una vittima, una bambina derubata della propria innocenza, una ragazza privata del proprio intelletto, una donna emarginata, continuamente lasciata sola da tuo padre, da tua madre, dai tuoi amici, dai tuoi fratelli. Non eri una drogata, come tutti ti definivano, eri soltanto denutrita di amore, sola, rassegnata in una tristezza di cui tu stessa eri forse inconsapevole. Mi dispiace davvero tanto sorellina mia, mi dispiace averti abbandonata con le mie paure, con la mia debolezza, quando mi dicevi: “aiutami, sono tua sorella”.

Ero piena delle tue stesse ferite, tanto simile a te da volerti negare, incapace di reggere il tuo calvario.

Io sapevo tutto di te, dell’orco che che ti aveva sedotta in tenera età, provocando nel tuo io una frattura devastante. Ti ho guardata consumarti, perdere i tuoi denti, i tuoi lunghi capelli. Fino alla morte. Quando sei morta nessuno mi ha avvisata ed io non ho potuto assistere neanche al tuo funerale. Non so dove tu sia sepolta, che foto ci sia sulla tua lapide. Vorrei morire per un momento, soltanto per abbracciarti.

Che tutti gli angeli ti circondino e facciano di queste mie ultime righe una collana di carezze, intorno al tuo viso immortale.

 

 

 Eleonora

 

Comments(0)

Leave a Comment